Psicologo - Psicoterapeuta

Marco Chiantore

CELL: +39 347.925.18.81

Mi prendo cura di adulti, adolescenti e genitori.

bella-bn-b.jpg

 

 Nasco come psicoterapeuta, a Torino, nel 2009, dopo la laurea in Psicologia Clinica nel 2003 e la Scuola di Specializzazione di quattro anni.
I primi passi però li muovo sul terreno dell'educazione e del sociale, fin dalla fine degli anni novanta.

 Lavorando ho condiviso la panchina e la strada con gli adolescenti; le mura, talvolta troppo spesse, talvolta troppo esili, delle comunità per tossicodipendenti; la casa, la spesa, le sigarette, la solitudine del malato psichiatrico.

 Anni di studio, la mia terapia personale e un lungo percorso formativo di tirocinio hanno reso più mature e consapevoli alcune mie attitudini e sensibilità.

 Lo sguardo attraverso il quale entro in contatto con il mondo e con le persone deriva dalle esperienze vissute fuori dalla stanza di psicoterapia.
Ancora oggi mi piace conoscere il fuori per comprendere il dentro: l'essere umano è complesso quando è da solo nella sua intimità, e inventa forme complesse quando cerca di aggregarsi, in coppia, in gruppi e nella società.

 Negli anni ho maturato esperienze in Tribunale, come Giudice Esperto nella sezione Minori, nell'associazione APRAGI come socio e  membro del direttivo, nel CISA, il Consorzio Socio Assistenziale di Rivoli, Rosta, Villarbasse, come membro del Consiglio di Amministrazione.

 

Il mio approccio in psicoterapia

Ho una formazione psicodinamica, per la quale l'attenzione è sulle dinamiche interne, e spesso non evidenti, che contribuiscono a guidare la vita in una direzione piuttosto che in un'altra. Portarle gradualmente alla coscienza e rielaborarle, può sollecitare un cambiamento positivo per la vita quotidiana.

Al tempo stesso il punto di vista gruppoanalitico pone in primo piano le relazioni che ci costituiscono in quanto persone e l'appartenenza ai gruppi (familiare, sociale, lavorativo...); l'incontro con gli altri segna profondamente quello che possiamo chiamare "mondo interno", cioè quel luogo tutto psicologico in cui prendono forma pensieri e emozioni a volte anche contrastanti.
Quello che siamo è un'intricata rete, che incrocia in modo complesso le relazioni con il mondo esterno e le dinamiche del nostro mondo interno.

L'obiettivo della cura è trovare, o ritrovare, l’autenticità in una relazione tra "mondi” che è vissuta non solo come complicata ma che, in qualche modo, ci fa male.

Psicoterapia con adolescenti, adulti, genitori e gruppi

Articoli

adolescenza.jpg

Adolescenza, non è una malattia

Qualche anno fa, ad una conferenza sull’adolescenza, ho avuto la fortuna di ascoltare le parole di Philippe Jeammet, psichiatra e psicoanalista francese.     Nel suo discorso ha parlato a lungo di cosa capiti agli...

Leggi News
____240f130466530vk4rwxy9k1ylwjpe8y3tgsckycqga9dw_crop.jpg

Psicoterapia a chi?!

Quante volte sento dire “io non ho bisogno dello psicologo”, “è per matti”, “io non credo a queste cose”, “basta un buon amico”. Alcuni comuni idee di fondo emergono dalle frasi...

Leggi News
adolescenz_crop.jpg

Crescere nella diversità

Chi non ha visto Zelig alzi la mano! Non il programma televisivo, ma il film. Si tratta di un film di Woody Allen del 1983 in cui il protagonista, Zelig appunto, è colpito da una malattia ignota che lo porta a cambiare le...

Leggi News
vasaio1_crop.jpg

Adolescenza: età del cambiamento?

  Capita che si cambi, e a volte i cambiamenti sono rapidi e improvvisi a tal punto da darci anche un po’ fastidio. Non che sia un fatto esclusivo dell’adolescenza, certo è che tutti noi abbiamo presente alcuni...

Leggi News
psicologia-25_crop.jpg

Cosa vuol dire...

Parole che non conosciamo Qualche tempo fa un conoscente mi ha dimostrato come le parole assumano significati vari, anche differenti da quello originario, e nel passare di anni e decenni vengano dimenticate dalle nuove generazioni. Di...

Leggi News

Eventi

__genitori-arte-imperfetta-2018-19a3jpeg-1_crop.jpg

Incontri gratuiti per genitori

Essere genitori, un'arte imperfetta. Prossimo incontro venerdì 23 novembre!

Leggi News
science-e-future-2.jpg

CONFERENZA SCIENCE E FUTURE 2

Organizzata da Università e Politecnico di Torino

Leggi News
apragi2.gif

Seminario STRANIERO AL MIO CORPO

Rivolto a psicologi, educatori, assistenti sociali, insegnanti.

Leggi News

Come contattarmi

Indirizzo

via Sereno,3 - 10098 Rivoli

Cellulare

+39 347.925.18.81

Email

info@marcochiantore.it

Close

Adolescenza, non è una malattia

Qualche anno fa, ad una conferenza sull’adolescenza, ho avuto la fortuna di ascoltare le parole di Philippe Jeammet, psichiatra e psicoanalista francese.

 

 

Nel suo discorso ha parlato a lungo di cosa capiti agli animali in quel periodo che li porta dalla pubertà all’età adulta: la sfida della crescita riguarda tutte le specie e in ogni caso comporta pericoli sia per il “cucciolo” che cresce, sia per l’adulto che già abita il territorio. Pericoli e fatiche che rientrano, dunque, nell’ambito di un fisiologico sviluppo con alcune reazioni istintive e del tutto attese: aggressività, fuga, sottomissione.

Nell’uomo le cose non sembrano andare in maniera tanto diversa: pensare ad un figlio adolescente ci riporta subito a quanto appena descritto per gli animali, accompagnato ad una dose di emozioni molto forti. Proprio la rabbia, l’impotenza, l’aggressività alternate a momenti di estrema gioia, intima vicinanza, idealizzazione spesso lasciano l’adulto esterrefatto e confuso, al punto da pensare che queste manifestazioni siano patologiche, soprattutto quelle che smuovono sentimenti negativi e difficili da gestire.

Nella scoperta di nuovi territori il giovane che cresce si difende dal timore di essere abbandonato (“non mi guardi”) e di essere invaso (“se mi guardi troppo, cosa c’è dentro di me?”); di fronte al pericolo risponde come gli altri animali (con l’aggressione, la fuga o la sottomissione),e con un bagaglio in più, caratteristico dell’essere umano: la capacità riflessiva.

Nell’adolescenza il pensiero è il nuovo ammennicolo con cui giocare, ma anche nuovo potere da imparare a scoprire. Spesso l’utilizzo massiccio di pensieri su di sé e sugli altri possono suscitare quelle reazioni emotive forti e non controllate di cui si parla sopra.

 La capacità dell’adulto di cogliere le emozioni che muovono i comportamenti dei figli può sostenere tanto l’anelito di indipendenza, quanto il bisogno di cure, senza rendere ambigui i ruoli; nella presentazione del suo libro “Adulti senza riserva” Jeammet scrive: “per vivere, gli adolescenti hanno bisogno che gli adulti facciano gli adulti e sappiano dare sostegno ma anche imporsi con autorevolezza. Soprattutto, hanno bisogno che, con la loro stessa esistenza, gli adulti diano prova dell'interesse che la vita ha in se stessa, nonostante le sconfitte e i dolori inevitabili”.